Cosa deve fare ora l’Europa: L’Agenda Politica Progressista Europea di DiEM25 per gli anni 2020

1. Introduzione

Il Covid-19 ha svelato la mancanza di istituzioni dell’UE in grado di affrontare una crisi di salute pubblica. Ha anche confermato che l’UE continua a non avere le istituzioni necessarie per ridurre gli squilibri economici che minano l’Unione, sopprimono gli investimenti e causano fallimenti economici evitabili che riducono le prospettive di vita della maggioranza degli europei e di coloro che risiedono in Europa. Infine, l’UE non è riuscita a rendere l’Europa più sicura. Rifiutando di porre fine alla sua dipendenza dai combustibili fossili, così come dalle armi nucleari per scopi strategici, l’UE ha rafforzato le tensioni geopolitiche, specialmente nel Mediterraneo orientale.

Allo stesso tempo, con il pretesto di una pandemia, il conservatorismo dell’Europa si è intensificato e molti diritti individuali, sociali e del lavoro sono stati violati. In questa Europa che vive la strumentalizzazione della pandemia, i suoi popoli sono chiamati con lo strumento della solidarietà transnazionale, a proteggere le conquiste delle lotte passate ma anche a costruire il nuovo modello post-capitalista di produzione, lavoro e vita. Siamo chiamati a sostenere i beni pubblici, a lottare per un’Europa aperta e pacifica e a proteggere l’acquis europeo dei diritti umani basato sulla Convenzione per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

La gestione della pandemia da parte dell’UE rende chiaro che un’Europa a più velocità, che opera in un ambiente competitivo con criteri privatistici e discriminazione di classe, non sarà in grado di affrontare le crisi future. C’è bisogno di una politica europea unificata con un orientamento sociale, solidale e progressista.

DiEM25 propone ora un’Agenda Progressista incentrata su SALUTE PUBBLICA, PROSPERITÀ CONDIVISA e PACE SOSTENIBILE. La nostra Agenda comprende politiche tratte dall’esauriente Green New Deal for Europe di DiEM25, così come proposte politiche affinate all’inizio della pandemia del 2020.

2. Salute pubblica, prosperità condivisa e pace sostenibile

2.1 Salute pubblica

La salute pubblica europea non può più rimanere di “competenza” degli stati nazionali. La pandemia ha dimostrato che, se l’UE non fornisce servizi sanitari di base (ad esempio i vaccini) a tutti i suoi cittadini in modo uguale ed efficace, l’Unione non è sicura – qualcuno potrebbe dire inutile.

La pandemia ha dimostrato che l’UE deve garantire ai suoi cittadini e a tutti coloro che risiedono nell’UE la parità di accesso alle strutture che forniscono test gratuiti, vaccini gratuiti e assistenza primaria gratuita. I beni di base (ad esempio, kit di test, vaccini, dispositivi di protezione) devono essere procurati a livello centrale e la produzione deve essere distribuita tra i vari paesi per evitare problemi di distribuzione in caso di blocchi logistici; scorte consistenti devono essere presenti ovunque all’interno di sistemi e reti sanitarie pubbliche ben funzionanti. Oltre a questo, concentrarsi sul miglioramento delle infrastrutture e strutture di base per la salute e il benessere come: (1) l’accesso all’acqua pulita e ai servizi igienici; (2) sistemi fognari pubblici efficaci; (3) aria pulita; (4) alloggi sani e sicuri; (5) sicurezza alimentare; (6) accesso ai servizi di salute mentale.

Consapevole dei suoi doveri verso i paesi non europei del suo vicinato e oltre, l’UE deve anche donare tali beni e infrastrutture di salute pubblica di base a livello internazionale a tutti i paesi in ogni dove. Ad esempio, nel caso dei vaccini, la posizione di DiEM25 è che un’Europa ricca ha l’obbligo per ogni vaccino che fornisce all’interno dell’UE di avere un vaccino distribuito a livello internazionale o nei paesi vicini. Tutti questi beni sanitari di base, sia all’interno che all’esterno, saranno finanziati utilizzando lo strumento di prestito della Banca centrale europea, piuttosto che i ristretti bilanci statali.

La pandemia ha portato a un massiccio aumento della disuguaglianza economica, sanitaria e politica su una scala precedentemente inimmaginabile. Ha stabilito un controllo governativo senza precedenti sulla popolazione, facilitando le crescenti tendenze autoritarie che sono sempre più evidenti, anche nelle democrazie mature. Ha favorito il capitale sul lavoro, arricchendo con migliaia di miliardi di dollari l’1% più ricco e distruggendo milioni di posti di lavoro e di piccole imprese. Ha allargato l’abisso tra il lavoro manageriale, intellettuale e impiegatizio, che è stato rapidamente spostato online, e i lavoratori in prima linea e manuali che sono rimasti esposti al virus. Ha colpito in modo sproporzionato le minoranze etniche e le comunità più povere e questo modello di disuguaglianza sarà solo peggiorato da una distribuzione globale dei vaccini che favorisce massicciamente le nazioni più ricche.

Per iniziare a invertire questa tendenza di crescente disuguaglianza, è necessario porre fine definitivamente alla pandemia stessa nel più breve tempo possibile su scala globale. Il ripristino dei sistemi sanitari pubblici locali, con una capacità di trovare, tracciare, rintracciare, isolare e sostenere per isolare è cruciale per il successo della soppressione delle pandemie.

Inoltre, DiEM25 richiede una massiccia diminuzione dell’allevamento industriale ad alta densità di bestiame, che è noto per aumentare la probabilità di nuove pandemie zoologiche. Allo stesso tempo, questo aiuterà a raggiungere gli obiettivi fissati per evitare il peggioramento della crisi climatica a causa del grande impatto ecologico dell’allevamento industriale.

Nell’interesse delle libertà civili e per garantire ai suoi cittadini i diritti fondamentali alla privacy che gli europei si sono guadagnati a fatica in secoli di lotte, in tempi di emergenze sanitarie, come quello attuale, l’UE deve procedere con cautela. DiEM25 sostiene le tecnologie digitali che possono facilitare un efficace sistema di tracciamento durante una pandemia, salvaguardando l’anonimato. Fatta eccezione per specifiche occupazioni e posti di lavoro (es. ospedali, case di riposo) dove la vaccinazione potrebbe essere obbligatoria, DiEM25 supporta lo sviluppo di applicazioni digitali che aiutino a dimostrare i test negativi (es Covid-19) come condizione per la libertà di movimento ma non “passaporti” vaccinali che, se introdotti, aprirebbero la scatola di Pandora delle violazioni della privacy da parte delle compagnie assicurative, imprese e agenzie governative. In conclusione, DiEM25, nonostante consideri i vaccini un bene pubblico del più alto valore, si oppone ad ogni “passaporto” vaccinale ma non ad applicazioni digitali che funzionino come certificazioni temporanee dei test negativi.

2.2 Prosperità condivisa

Durante la recente intensificazione della crisi economica capitalista globale dovuta alla Covid-19, l’Eurozona ha subito il più grande calo degli investimenti (50%), la più grande fuga di capitali (500 miliardi di euro) e il più grande aumento dell'”output gap” (cioè la differenza tra il prodotto totale che potremmo produrre e quello prodotto) rispetto a USA, Cina e Regno Unito. Inoltre, gli squilibri intra-europei (che erano già cresciuti prima e dopo la crisi dell’euro) sono aumentati esponenzialmente. Tuttavia, l’UE ha somministrato il più piccolo stimolo fiscale tra le regioni economiche più forti del mondo e ha fatto il minimo per rilanciare gli investimenti – affidandosi quasi esclusivamente al cosiddetto Recovery Fund, che è sia macroeconomicamente insignificante che politicamente velenoso. Come risultato, si prevede che gli anni 2020 saranno il secondo decennio perduto di fila per l’Europa.

Per evitare questo, e per dare una possibilità alla prosperità europea condivisa, DiEM25 ha proposto – e lo sta facendo di nuovo – cinque politiche:

  1. Obbligazioni della BCE per ridurre la pressione sui bilanci degli Stati membri: Tutti i deficit primari di bilancio dal marzo 2020 devono essere finanziati con obbligazioni trentennali emesse dalla BCE (BCE-bond). La durata di 30 anni dei BCE-bond, da investire principalmente nel settore pubblico, funzionerà come un ulteriore incentivo per l’Europa ad emergere entro tre decenni. Tale durata dà essenzialmente all’Europa una scadenza di tre decenni per avanzare in un’unione politica democratica.
  2. Obbligazioni della BCE da scambiare con obbligazioni precedenti (pre-pandemia) al fine di ristrutturare i vecchi debiti: Ora è il momento per il debito pubblico dei paesi che erano essenzialmente in bancarotta (es. Grecia, Italia) prima della pandemia da ristrutturare attraverso scambi di debito di obbligazioni nazionali con Eurobond della BCE.
  3. Pagamenti di solidarietà in contanti: La BCE inizialmente accrediti 2000 euro sul conto corrente principale di ogni residente. Questi pagamenti possono essere ripetuti a seconda dell’evoluzione della domanda attiva, degli investimenti e dell’attività economica.
  4. European Green Recovery & Investment Program: Il Consiglio europeo dovrebbe dare il via libera alla Banca europea per gli investimenti ad emettere obbligazioni annuali del 5% del PIL dell’UE, che la BCE dirà di “sostenere” nei mercati secondari delle obbligazioni. Questi fondi finanzieranno una nuova istituzione europea, l’Agenzia Europea per i Lavori della Transizione Verde, il cui scopo principale è quello di creare l’Unione Europea dell’Energia Verde e l’elaborazione della Transizione Verde dell’UE in generale.
  5. Rescindere tutti gli impegni del Memorandum: I paesi dell’Eurozona più colpiti dalla pandemia economica “sono” quelli che erano già irrimediabilmente colpiti dalla crisi dell’Euro – i paesi che la Troika ha “visitato” dopo il 2010, imponendo loro disastrose politiche di austerità e saccheggio le quali, ovviamente, non sono state applicate negli altri paesi. DiEM25 chiede l’abolizione immediata di tutti questi obblighi, che in definitiva colpiscono l’intera Europa.

2.3 Pace sostenibile nel vicinato europeo 

Nel 2020 l’UE ha ufficialmente approvato un cosiddetto ‘Green Deal’. Purtroppo, è stato approvato “più nella violazione che nell’osservanza”: nessun finanziamento reale è stato mai accantonato per questo ‘Green Deal’ e, peggio ancora, l’UE continua a perseguire l’estrazione e la distribuzione di combustibili fossili in un modo che aumenta le tensioni geopolitiche.

In particolare, i piani per estrarre petrolio e gas nel Mar Egeo e nel Mediterraneo orientale stanno causando tensioni geopolitiche che beneficiano solo i trafficanti di armi e gli avvoltoi finanziari che traggono profitto dalla “securitizzazione” di combustibili fossili e gasdotti – piani che, molto probabilmente, non vedranno nemmeno la luce del giorno. Alimentano anche la preesistente crisi migratoria mettendo la Turchia contro l’UE e viceversa.

Le tensioni geopolitiche causate dal cinico e ipocrita ‘Green Deal’ dell’UE non si limitano ai suoi confini sudorientali. Si stanno espandendo al nord-est, dove, per esempio, la Germania e la Russia si stanno muovendo lungo l’oleodotto Nordstream2, favorendo oscuri interessi commerciali che stimolano le relazioni intra-europee e quelle internazionali dell’UE, aumentando la probabilità di conflitti militari e, oltre ai danni ambientali, i costi per le persone della regione.

Per il bene della pace, e per il bene della sicurezza e della sovranità europea, questo deve finire. Le crescenti tensioni nell’est dell’UE rendono indispensabile – politicamente, e come movimento- la strategia e la rinascita del fronte contro la guerra.

Per assicurare il futuro delle prossime generazioni, DiEM25 chiede a tutti gli stati europei di aderire al trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari. Chiediamo all’UE di sostenere l’Ucraina nel raggiungimento di una pace duratura con tutti i suoi vicini. Si applichi l’accordo di Minsk anche nella stessa Ucraina.

DiEM25 propone una nuova Iniziativa Europea per la Pace Sostenibile e la Prosperità Condivisa.

Per la situazione nel nord-est, DiEM25 propone l’immediato abbandono/abolizione del gasdotto Nordstream2 e la sua sostituzione all’interno della Rete Energetica Verde Europea.

Per la situazione del sud e del sud-est, DiEM25 propone la convergenza da parte dell’UE di una Conferenza Internazionale sulla Pace & Energia Verde nel Mediterraneo. La proposta è che i rappresentanti di tutti i paesi del Mediterraneo si siedano intorno allo stesso tavolo per concordare che:

  1. il Mediterraneo sia “liberato” dai combustibili fossili (vale a dire: nessuna attività estrattiva, nessun nuovo gasdotto) e sia collegato alla rete europea di energia verde che sarà finanziata principalmente dall’UE attraverso il programma europeo di ripresa e investimenti verdi (vedi 2.2.4)
  2. segneranno sulla stessa mappa di ogni paese i requisiti relativi ai confini marittimi (cioè, piattaforma continentale e ZEE)
  3. porteranno questa mappa, insieme, alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia avendo accettato in anticipo la sua decisione sulla demarcazione definitiva delle frontiere marittime.

3. Riassunto

L’UE o si unirà per affrontare la prospettiva di un secondo consecutivo decennio perduto, o perirà. L’Agenda Politica Europea Progressista per il 2020 di DiEM25 offre l’unico percorso verso l’unificazione. Le tre serie di politiche proposte dal primo movimento paneuropeo unitario sono assolutamente coerenti con la lettera dei trattati UE.

La loro attuazione riunirà:

  • Protezione della salute pubblica in tutto il continente europeo

  • Solidarietà con i paesi vicini e con tutti gli altri paesi, che non è solo un dovere morale dell’Europa, ma anche l’unica misura efficace contro le pandemie che non rispettano le frontiere

  • Elaborazione e finanziamento della Transizione Verde senza la quale sia la società che il Pianeta declineranno

  • Adozione di strumenti di finanziamento pubblico a beneficio dei molti – strumenti oggi ampiamente utilizzati a beneficio di pochissimi.

Solo l’Agenda Politica Europea Progressista per gli anni 2020 di DiEM25 offre all’Europa la possibilità di diventare una vera Unione democratica. Tutte le altre alternative portano alla sua disintegrazione.

Appendice – L’Agenda Politica Progressista post-pandemica di DiEM25 punto per punto

1. SALUTE PUBBLICA

  1. La fornitura di beni e cure sanitarie di base diventi un dovere dell’UE

  1. Una nuova rete UE di centri pubblici di assistenza sanitaria di base facilmente accessibili ad ogni cittadino e residente dell’UE che offra:

    1. test gratuiti su richiesta

    2.  vaccinazioni gratuite su richiesta

    3.  cure di medicina generale gratuite al punto di consegna

  1. Approvvigionamento centralizzato per:

    1.  kit di test

    2. vaccini, incluso l’acquisto di brevetti per facilitare la produzione locale

    3.  farmaci di base

    4.  dispositivi di protezione

  2.  L’UE si impegni a fornire a livello internazionale ai paesi più bisognosi, gratuitamente, su base 1 a 1, tutti i suddetti beni sanitari essenziali (vedi 1.2.1,1.2.2. e 1.2.3) disponibili in Europa

  3. Finanziamento diretto dei punti 1.2, 1.3 e 1.4 di cui sopra utilizzando gli strumenti della BCE. In particolare, l’UE paghi le aziende che smaltiscono questi beni attraverso obbligazioni perpetue zero-coupon emesse dalle aziende e acquistate dalla BCE

  4. I passaporti e/o certificati di vaccinazione siano vietati, per proteggere i diritti fondamentali della privacy. Invece, l’UE finanzi lo sviluppo di applicazioni (app) che permettano un efficiente sistema di tracciabilità, assicurando l’anonimato e usando software open source, da incorporare nella rete UE di unità sanitarie pubbliche di base menzionate al punto 1.2.

  5. L’Europa riduca fortemente l’allevamento industriale su larga scala per minimizzare i rischi di nuove pandemie e per permettere il raggiungimento degli obiettivi climatici.

2. PROSPERITÀ CONDIVISA

  1. Obbligazioni della BCE per ridurre la pressione sui bilanci degli stati membri: Tutti i disavanzi primari di bilancio dal marzo 2020 vengano finanziati con obbligazioni trentennali della BCE. Una tale durata darà efficacemente all’Europa una scadenza di tre decenni per avanzare verso un’unione politica democratica.

  2. Obbligazioni della BCE da scambiare con obbligazioni precedenti (pre-pandemia) per ristrutturare i vecchi debiti: Ora è il momento per ristrutturare il debito sovrano dei paesi che erano essenzialmente in bancarotta (es. Grecia, Italia) prima della pandemia, attraverso scambi di obbligazioni nazionali con Eurobond della BCE (debt swap).

  3. Pagamenti diretti di solidarietà paneuropei: La BCE inizialmente accrediti 2000 euro sul conto bancario principale di ogni residente. Questi pagamenti possono essere ripetuti a seconda dell’evoluzione della domanda attiva, degli investimenti e dell’attività economica.

  4. Programma europeo di ripresa e investimenti verdi: Il Consiglio europeo dovrebbe dare il via libera alla Banca europea per gli investimenti per emettere obbligazioni annuali del 5% del PIL dell’UE, che la BCE dirà di “sostenere” nei mercati secondari delle obbligazioni. Questi fondi finanzieranno una nuova istituzione europea, l’Agenzia Europea per i Lavori della Transizione Verde, il cui scopo principale sarà quello di creare l’Unione Europea dell’Energia Verde e di elaborare la Transizione Verde Europea in generale.

  5. Programma europeo di ripresa e investimenti verdi: Abolizione di tutti gli impegni del memorandum: I paesi dell’eurozona più colpiti dalla pandemia economica “si dà il caso” che siano quelli già duramente colpiti dalla crisi dell’euro – i paesi che, dopo il 2010, la troika ha “visitato” imponendo politiche catastrofiche di austerità e saccheggio che, ovviamente, non si sono applicate negli altri paesi. DiEM25 chiede l’abolizione immediata di tutti questi impegni, che alla fine colpiscono tutta l’Europa.

3. PACE SOSTENIBILE

  1. Abbandono/abolizione immediata del gasdotto Nordstream2 e sua sostituzione all’interno dell’Unione Europea dell’Energia Verde.
  2. Conferenza internazionale sulla pace e l’energia verde nel Mediterraneo. La proposta è che i rappresentanti di tutti i paesi del Mediterraneo si siedano intorno allo stesso tavolo per concordare che:
    1. Il Mediterraneo sia “liberato” dai combustibili fossili (cioè nessuna estrazione, nessun nuovo gasdotto) e sia collegato alla Rete Europea dell’Energia Verde che sarà finanziata principalmente dall’UE attraverso l’European Green Recovery and Investment Program (vedi 2.2.4).
    2. segneranno sulla stessa mappa di ogni paese i requisiti relativi ai confini marittimi (cioè, piattaforma continentale e ZEE)
    3. porteranno questa mappa, insieme, alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia avendo accettato in anticipo la sua decisione sulla demarcazione finale delle frontiere marittime.

 

Versione italiana a cura di Michele Fiorillo e Roberta Franco

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!