DiEM25 può festeggiare. Mettiamoci al lavoro, di nuovo – Messaggio di Yanis Varoufakis agli attivisti

Cari membri di DiEM25, cari attivisti della Primavera Europea, cari colleghi europeisti progressisti,
oggi è un giorno da festeggiare, facendo il punto sui nostri notevoli risultati.
Oggi è anche un giorno per lamentare la spirale discendente dell’Europa, mentre pianifichiamo la prossima fase del nostro sforzo paneuropeo per riportare la speranza alle centinaia di milioni di persone che l’hanno persa.
Quando alla fine del 2017 abbiamo deciso di portare il nostro Green New Deal per l’Europa in un’urna elettorale in tutta Europa, gli amici temevano per noi e i cinici ci hanno riso addosso. Ciò che né i nostri amici preoccupati né i cinici capivano era la natura del nostro sforzo collettivo.
Il nostro compito non era quello di massimizzare i seggi in queste elezioni europee. Il nostro compito non era quello di dimostrare che un’altra Europa è possibile. No, il nostro compito era dimostrare che un’altra Europa è già qui – all’interno di un unico movimento paneuropeo dedicato a un’unica agenda politica progressista per tutti gli europei.
DiEM25 è nato da un’idea radicale: Non siamo semplicemente greci o tedeschi o italiani o di qualsiasi altra nazionalità o etnia che portiamo con noi. Siamo tutto questo, ma siamo anche europei determinati a contrastare l’internazionalismo dei banchieri e la sua immagine speculare: l’internazionalismo dei razzisti. E per farlo con un’unica agenda europea, internazionalista, realistica, immediatamente attuabile e radicale.
Abbiamo lavorato a lungo e duramente per mettere insieme questa agenda progressista. Siamo orgogliosi del nostro Green New Deal per l’Europa che è l’unico antidoto alla logica che, in questa UE, non c’è alternativa al socialismo per i banchieri, all’austerità per i molti e alla catastrofe per l’ambiente. Il nostro Green New Deal per l’Europa può unire in modo unico i progressisti europei, come contrappunto della brutta xenofobia che lega i nazionalisti.
Fin dall’inizio, abbiamo avuto una scelta: Avremmo potuto formare delle coalizioni di convenienza. Ad esempio, avremmo potuto ottenere facilmente molti seggi in queste elezioni europee, purché fossimo stati disposti a candidarci insieme agli attori politici esistenti che si sono impegnati a non avere un’agenda per l’Europa o che sono in disaccordo con il nostro europeismo radicale. Oppure avremmo potuto attenerci ai nostri principi, al nostro affascinante New Deal verde per l’Europa, e correre da soli – senza finanziamenti o sostegno istituzionale. Abbiamo scelto la seconda opzione non solo perché era difficile, ma perché era l’unico modo in cui potevamo continuare la nostra lotta in buona coscienza, nel rispetto dei nostri principi e dei nostri obiettivi.
La nostra strategia e la nostra tattica coincidevano: Sostenere l’agenda di DiEM25, coltivare la nostra etica politica, renderle giustizia – e non tradire mai le generazioni future il cui futuro dipende dall’attuazione del nostro Green New Deal in tutta Europa, anche al di fuori dell’Europa.
Questa decisione ha avuto un costo, ma non è stata imprevedibile. Abbiamo sempre saputo che il nostro cammino sarebbe stato lungo e roccioso. Ma sapevamo anche che le elezioni del Parlamento europeo sono state molto di più di quanto i seggi vinti e persi. Si trattava di proporre una nuova visione dell’Europa, di chiedere un Green New Deal, di ispirare i cittadini di tutto il continente a pensare oltre gli stretti confini della propria nazione. Si trattava di dimostrare in pratica come sarebbe stata un’altra Europa.
E su questo, amici miei, abbiamo vinto: Abbiamo mostrato agli europei come un’agenda comune possa essere elaborata in modo collaborativo da molti attori politici provenienti da tutta Europa. Come può emergere una lista comune di candidati a sostegno di questa agenda comune. Come possiamo fare campagna elettorale in tutta Europa, insieme, all’insegna di questa agenda.
Nei mesi e nelle settimane che hanno preceduto il 26 maggio, ho avuto il netto privilegio di fare campagna elettorale con tutti voi a Parigi, a Bruxelles, in Italia e nel Regno Unito, in Danimarca, in Portogallo e, naturalmente, in Grecia e in Germania. In ognuno di questi luoghi ho visto il modo in cui avete tirato fuori il meglio l’uno dall’altro e dalle vostre comunità. Avete condotto la campagna con idee brillanti, avete mostrato quale può essere una politica di principio, transnazionale e umanistica. Avete lavorato instancabilmente senza ottimismo, ma con fasci di speranza. Siete stati una gioia da vedere e da custodire. La vostra dedizione, il senso del divertimento, l’amicizia, la saggezza e la gentilezza hanno fatto sì che tutti quelli che vi circondano si sentissero di nuovo fiduciosi della nostra Europa, della sua politica, della sua civiltà.
Alla fine, la quantità di voti che abbiamo ricevuto è stata inferiore alle nostre aspettative – anche se circa un milione di europei ci ha onorato alle urne e in Grecia, il Ground Zero della crisi economica e democratica dell’Europa, MeRA25 è passato da zero all’arena parlamentare – un risultato che fa ben sperare per le prossime elezioni nazionali.
Compagni, amici, amici, DiEMers,
Abbiamo messo un’idea bella e radicale nelle menti degli europei. Ora abbiamo il compito di aiutare questo seme di speranza a crescere. Sentitevi orgogliosi di ciò che avete realizzato. Riposatevi per un giorno o due. Dopo di che, torneremo tutti al lavoro, pianificando i prossimi passi che devono sicuramente includere un incontro paneuropeo di DiEM25 in cui passeremo giorni e notti a tracciare la strada da percorrere.
 
Yanis Varoufakis
 
 
 
Fonte: https://www.yanisvaroufakis.eu/2019/05/27/today-diem25-has-every-reason-to-celebrate-tomorrow-we-get-down-to-work-again-message-to-our-magnificent-activists/
Traduzione in Italiano di Simone Careddu

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!