La risposta di DiEM25 al Consiglio Europeo: una politica migratoria coerente, umana ed efficace

DiEM25 Italia
dom 07, 2018, Articoli
Spread the word

I 28 governi riuniti a Bruxelles per l’ultimo vertice del Consiglio europeo hanno abdicato la loro responsabilità morale e politica verso i cittadini europei e verso le generazioni future. Un non-accordo irresponsabile sulla riforma del trattato di Dublino ha prodotto:

– Continue morti nel Mar Mediterraneo

– Criminalizzazione delle ONG che lavorano per salvare vite umane

– Concentrazione della discussione sul come affrontare i “movimenti secondari”, in modo che tutto il peso dell’accoglienza, dell’ospitalità e infine dell’integrazione dei migranti sia in carico ai paesi dell’Europa meridionale, come l’Italia e la Grecia;

– Un accordo sulla necessità dell’unanimità per qualsiasi riforma del trattato di Dublino, una mossa che garantisce l’impossibilità di una riforma progressiva

Non è stata avanzata alcuna soluzione concreta per una gestione umana ed efficace dei flussi migratori. I governi dei paesi europei si stanno invece inchinando ad un reciproco gioco di rimproveri che strumentalmente usa i migranti per piccoli guadagni elettorali.

Il fallimento diplomatico del governo di Salvini e di Conte mostra inoltre che i diversi programmi nazionalisti non possono produrre coerenti politiche pan-europee. L’internazionale dei nazionalisti non ha nulla da offrire se non miseria umana per tutti, migranti e cittadini allo stesso modo.

Esistono alternative concrete. Recentemente il Parlamento europeo ha presentato una risoluzione sostanziale che presenta una riforma coerente e funzionale del trattato di Dublino. L’unica istituzione transnazionale eletta ha fatto ciò che le élite nazionali non sono riuscite a raggiungere: garantire gli interessi comuni degli europei. È più chiaro che mai che élite nazionali imprudenti, governi nazionali collusi e un sistema intergovernativo antidemocratico stanno portando l’Unione europea verso un percorso di disintegrazione.

DiEM25, insieme alla sua lista transnazionale Primavera Europea, ha preparato un ampio programma politico su migrazione e rifugiati che porteremo all’intero elettorato europeo durante le elezioni europee del maggio 2019. Questo programma, insieme al programma completo del nostro elenco transnazionale, sarà messo tra breve on line per la consultazione pubblica.

Le nostre proposte per una politica migratoria europea completa, umana ed efficace sono le seguenti:

NEW DEAL PER MIGRANTI, RIFUGIATI E NUOVI ARRIVATI

A) Sistema Europeo Comune di Asilo

  1. Il nostro New Deal mira a creare una società globale più giusta, a ridurre i conflitti, a ridurre le disuguaglianze e a ridurre le cause della migrazione involontaria. Ma dobbiamo anche essere pronti ad accogliere i nuovi arrivati in Europa, sostenere la loro transizione nelle nostre società costruendo insieme un nuovo futuro.
  2. Questo processo inizia indirizzando le misure di emergenza per affrontare la crisi umanitaria dell’Europa. Oltre 500.000 migranti sono arrivati in Europa attraverso il Mediterraneo solo negli ultimi due anni, uno su quattro bambini. Dobbiamo unirci per esprimere un’efficace risposta paneuropea. 
  3. Chiediamo l’istituzione di un Sistema di Asilo Comune Paneuropeo nel pieno rispetto del TFUE, della carta dei diritti fondamentali, della Convenzione di Ginevra e di altri obblighi di legge internazionali. Il sistema richiederà che tutti gli europei rispettino il diritto di non respingimento che vieta all’Europa di rimandare i richiedenti asilo in un paese in cui potrebbero essere in pericolo di persecuzione.
  4. Nel frattempo, i paesi europei faciliteranno il riconoscimento reciproco delle decisioni di asilo e il rapido trasferimento degli status di protezione all’interno dell’UE, in modo che rifugiati e i richiedenti asilo possano stabilirsi dove hanno migliori prospettive di impiego, legami familiari più forti o migliori competenze linguistiche.

I centri di detenzione devono essere chiusi. Le strutture di accoglienza devono essere migliorate. Le autorità devono garantire l’accesso all’assistenza sanitaria fisica e mentale a tutti i rifugiati e richiedenti asilo, con i finanziamenti dell’UE subordinati al rispetto delle norme.

B) Integrazione e programma di investimento

  1. La nostra sfida non è solo quella di accogliere i nuovi arrivati, ma anche di costruire legami con le comunità di tutta Europa. Crediamo di dover considerare sia i diritti e i bisogni delle comunità ospitanti sia quelli dei migranti. Nessun processo di integrazione e d’integrazione di successo è possibile altrimenti. L’integrazione è un processo a due facce.
  2.  Introdurremo un nuovo programma di integrazione e di investimenti che possa indirizzare i finanziamenti dell’UE alle municipalità che accolgono i nuovi arrivati nelle loro comunità. Nuovi fondi saranno stanziati per programmi che supportano (i) l’integrazione nelle economie locali e progetti di welfare, (ii) la celebrazione della cultura di tutti i membri della comunità, e (iii) I progetti di edilizia sociale mista che aiutano a costruire nuove e vecchie comunità. In questo modo, accogliere porterà un benecificio materiale immediate alle comunità.
  3. Ci batteremo anche per includere i nuovi arrivati nella politica dell’UE dei luoghi di residenza dove si trovano. Nonostante il fatto che milioni di migranti, rifugiati e nuovi arrivati dell’UE paghino le tasse, non godono dei pieni diritti della loro residenza. Sono esclusi dalle decisioni politiche che determinano il loro futuro in modo fondamentale. Non possiamo consentire al governo di decidere su di loro senza che le loro voci vengano ascoltate. Ci batteremo affinché tutti i nuovi arrivati possano godere di pieni diritti di voto, compreso il diritto di voto alle elezioni nazionali e ai referendum, nonché il diritto di candidarsi alle elezioni.

C) Chiudere la Fortezza Europa

  1. Mentre promuovono a parola la condanna dei regimi autoritari, molti Stati membri continuano a redigere accordi con despoti per tenere i richiedenti asilo fuori dall’Europa. Dobbiamo creare nuove vie per la migrazione legale e dobbiamo porre fine all’esportazione del controllo della migrazione.
  2. Lotteremo per consentire l’estensione di visti per ricerca di lavoro validi nella zona Schengen direttamente dai consolati dell’UE in tutto il mondo, creando così vie sicure e legali come alternativa ai viaggi della disperazione.
  3. Allo stesso tempo, chiediamo la risoluzione dell’Accordo sui rifugiati UE-Turchia che ha spinto i richiedenti asilo a tornare nei paesi da cui sono fuggiti. Chiederemo anche la fine degli accordi con le autorità locali libiche e le milizie e la risoluzione degli accordi per la formazione e l’equipaggiamento delle guardie costiere libiche. Lo stesso deve valere per gli accordi arretrati con i governi corrotti e autoritari del Ciad e del Niger.
  4. Chiediamo l’istituzione di un’operazione europea di ricerca e salvataggio (ESRO) che rimpiazzi Frontex. Con l’ESRO, chiediamo l’immediata sospensione di qualsiasi esternalizzazione delle frontiere dell’UE e dei controlli sulla migrazione, per rispettare la sua responsabilità di consentire a tutte le persone di richiedere protezione sul territorio europeo. Aumenteremo la cooperazione e il finanziamento delle organizzazioni internazionali che lavorano con i rifugiati (UNHCR) e i migranti (IOM), richiedendo al tempo stesso una maggiore responsabilità ed esercitando una supervisione più forte sulla loro attività.

 

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!