Alena Krempaská

A supporto di Alena e dei nostri amici in Europa Centrale e Orientale

Abbiamo appena saputo che Alena Krempaská, un’amica, membro di DiEM25 e attivista con lo Human Rights Institute a Bratislava, è stata brutalmente attaccata da neo-fascisti la settimana scorsa, mentre usciva dal suo ufficio.
Al lancio di DiEM25 lo scorso febbraio, Alena è intervenuta sostenendo che il nostro movimento dovrebbe estendersi all’Europa Centrale e Orientale. Un mese dopo, ha scritto un meraviglioso articolo in cui suggerisce come calibrare al meglio il focus del movimento in suddetta area. “Qui non c’è Podemos, non c’è Syriza” scrisse “Coloro che guadagnano davvero punti sono gli xenofobi, islamofobi, “conservatori” religiosi e altri gruppi di estrema destra del parere di lasciare l’UE.”
Siamo costernati e rattristati dal fatto che sostenitori di tali gruppi vogliano fare ciò ad Alena.
Alena si sta riprendendo dalle lesioni. La prossima settimana la incontrerò a Budapest alla conference “Future of Europe – Europe of the Future?”, dove le porterò i più affettuosi saluti da parte di tutti i membri di DiEM25.
E dirò ai nostri amici attivisti in Europa Centrale e Orientale che, come Alena, hanno il coraggio di alzarsi: Siamo con voi. E stiamo lavorando per essere più presenti al vostro fianco.
Yanis
(traduzione: Giulia)

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!

Il denaro sporco che si nasconde dietro l’accuratamente curata immagine pubblica dell’UE

La vicepresidente del Parlamento europeo Eva Kaili è stata arrestata con l’accusa di corruzione, così come Francesco Giorgi (suo compagno ...

Leggi di più

It’s time to open the black boxes

Fondato sul principio “pensare globalmente – agire localmente”, IT’S TIME TO OPEN THE BLACK BOXES! è un progetto d’arte partecipata in corso, ...

Leggi di più

DiEM25 lancia il suo partito politico in Italia: MERA25

MERA25 Italia è il terzo partito politico nazionale del nostro movimento

Leggi di più

DiEM25 ha un piano per la pace in Ucraina

I membri approvano la nostra proposta in cinque punti che mira a una risoluzione pacifica della guerra

Leggi di più