Buon primo maggio

Primo maggio, festa del lavoro e di chi il lavoro non ce l’ha. Festa dei diritti e di chi invece ne ha sempre avuti troppo pochi. Festa di chi si trova in condizione di povertà, nonostante lavori. Festa di chi lotta contro lo sfruttamento e il ricatto occupazionale; contro i privilegi e le rendite.
Primo Maggio, festa che commemora un passato di rivolte e conquiste, ma che deve riflettere sulla condizione di oggi, difficile e intollerabile per troppe e troppi, e che deve guardare all’avvenire con un senso di riconquista della dignità individuale e collettiva.
Buon Primo Maggio alle lavoratrici e ai lavoratori: autonomi, dipendenti, precari, freelance; a quelli che lavorano sulle piattaforme digitali o tramite esse; a quelli che tornano la mattina presto dopo il turno di notte; a quelli del primo turno di lavoro in fabbrica; a quelli “esternalizzati”; ai c.d. lavoratori cognitivi; a quelli delle catene della logistica e della distribuzione; a chi lavora gratis; a quelli costretti all’ingaggio dei caporali.
A tutte e tutti.
Un pensiero particolare di solidarietà e vicinanza va alla Città di Taranto.
Alle associazioni, ai comitati, ai movimenti che si battono per una alternativa economica, occupazionale e sociale avendo alle spalle lo spauracchio della disoccupazione che, immoralmente alimentato da anni, riesce a offuscare persino le coscienze.
A quelle colonne doriche che l’aiutano a “reggere il cielo”.
Buon Primo Maggio a chi lotta per un futuro diverso, ma di libertà e di progresso.
 

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!

Non resteremo a guardare

Lo scioglimento delle Camere e l’indizione delle elezioni politiche non hanno risolto il problema vero che attanaglia la difficile fase che ...

Leggi di più

Gianluca Costantini illustra il suo viaggio con DiEM25

L'attivista e artista italiano, che da tempo combatte battaglie politiche attraverso disegni che fanno riflettere, ha realizzato ora uno ...

Leggi di più

L’Italia ha bisogno di un’alternativa politica radicale

Negli ultimi anni la politica italiana è polarizzata tra estreme destre populiste e tecnocrazia. Il primo gruppo va dai finti-outsiders senza ...

Leggi di più

Un paese di musichette mentre fuori c’è la morte

Il periodo che stiamo vivendo non è certamente dei più tranquilli, per usare un eufemismo. Crisi finanziarie, seguite da due anni di pandemia ...

Leggi di più