Ministri del lavoro dell’UE: lavorerete per noi o per Uber?

16 sindacati e collettivi di lavoratori della gig economy chiedono ai ministri del Lavoro dell’Unione europea di sostenere la loro lotta per un lavoro dignitoso contro gli abusi delle piattaforme.

Cari Ministri del Lavoro degli Stati membri dell’Unione europea,

il 12 e 13 giugno dovrete votare la direttiva sui diritti dei lavoratori delle piattaforme. Per noi, lavoratori delle piattaforme, questa direttiva è fondamentale. La nostra vita dipende da essa. La direttiva dovrebbe determinare il nostro status (lavoratore autonomo o dipendente), il nostro rapporto con le piattaforme e la trasparenza dei loro algoritmi.

Siamo rider o autisti. Abbiamo scelto questi lavori credendo ingenuamente nel mito della libertà imprenditoriale. Pensavamo che saremmo stati liberi di fissare i nostri prezzi, scegliere i nostri orari e determinare le nostre condizioni di lavoro. Ma la realtà è ben diversa. Trascorriamo le nostre giornate in attesa di un ordine o di una commissione, come se fossimo tenuti in ostaggio senza sapere quando una commissione sarà permessa. Se dovessimo rifiutarne una, la piattaforma ce ne assegnerebbe sempre di meno.

Molti autisti come noi lavorano fino a 13 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Uber, Bolt, Heetch, queste piattaforme ci usano come loro schiavi. Dipendiamo dalla loro volontà, siamo sotto il loro controllo, per paura di non riuscire ad arrivare a fine mese. Per 70 ore di lavoro a settimana, siamo numerosi a guadagnare solo 1300€ al mese. 4,30 all’ora. È questo un reddito desiderabile e dignitoso per chi vuole servire i propri concittadini? Le piattaforme non sono mai a corto di soldi. Ci chiedono commissioni fino a 40 euro per ogni viaggio. Come fa la semplice “connessione” a giustificare queste commissioni? Quanta ricchezza producono queste aziende semplicemente mettendo in contatto un cliente e un autista? A causa dei prezzi imposti dalle piattaforme, un numero sempre maggiore di noi non è più in grado di rimborsare il noleggio dell’auto o di pagare l’assicurazione. Subendo le condizioni delle piattaforme, non riusciamo più a guadagnarci da vivere in modo decente.

Come riders spesso percorriamo più di 100 km al giorno per consegnare i pasti. Contro il vento, sotto la pioggia, nella neve o nel bel mezzo di un’ondata di caldo, pedaliamo affinché sushi, hamburger o pizze arrivino al cliente nelle migliori condizioni possibili. Qualunque sia il tempo, pedaliamo il più velocemente possibile per rispettare i termini di consegna. L’applicazione ci dà gli ordini. E per arrivare in tempo, l’applicazione ci ordina di non rispettare le regole del traffico. Se si verifica un incidente durante una consegna, le piattaforme, così veloci nel sorvegliarci, scompaiono immediatamente. Nessun infortunio sul lavoro, nessuna assenza per malattia, nulla viene preso in carico da UberEats, Deliveroo o Wolt. Né le nostre attrezzature né la nostra salute. Questo ci indebolisce fisicamente e psicologicamente. La pressione è tale che gli attacchi di cuore sono comuni nelle nostre professioni e gli incidenti accadono ogni giorno. La paura di perdere una gara, le ore di attesa sotto tensione indeboliscono i nostri rapporti umani. Un numero sempre maggiore di noi affronta i divorzi, la lontananza dalle famiglie e l’isolamento imposto dal lavoro.

Ci è stato detto che eravamo “partner”, pensavamo di essere trattati alla pari, ma non è così. Siamo solo schiavi digitali al servizio di un algoritmo. Ufficialmente indipendenti, ma in realtà apertamente subordinati alle piattaforme. Sono loro, infatti, a stabilire i nostri prezzi, a scegliere il nostro aspetto, a imporre i nostri percorsi e i tempi di viaggio. Durante la pandemia, molti di noi hanno servito i propri concittadini. Chi ha consegnato la spesa, i pasti, quando era vietato uscire? Chi ha pedalato per strade deserte, spaventato a morte, con il terrore di portare a casa un virus di cui non sapevamo nulla? Alla fine della pandemia, senza una parola, le piattaforme hanno bloccato migliaia di noi. Perché sì, Uber, Deliveroo e le altre piattaforme ci “disconnettono” quando non ci vogliono più, senza motivazioni, senza possibilità di spiegazione con un umano e senza ricorso. Nessuna risorsa umana o servizio post-vendita per noi. I nostri tentativi di incontro rimangono inascoltati. È come se ci avessero cancellato da un giorno all’altro, disumanizzando il nostro lavoro e la nostra esistenza.

Non sappiamo mai perché riceviamo una corsa e non un’altra, perché viene assegnata a un fattorino, a un autista, piuttosto che a un altro. Un algoritmo determina e controlla il nostro lavoro senza interruzioni e senza alcuna forma di trasparenza. E mentre lavoriamo agli ordini di una macchina, i nostri dati vengono costantemente raccolti ed elaborati senza che noi possiamo opporci.

Noi paghiamo le tasse, mentre le piattaforme stesse le evitano e le eludono. Lo diciamo noi: questa è una concorrenza sleale inaccettabile, che stimola gli standard sociali più bassi. Come sempre, in questo contesto, i dipendenti sono la variabile di aggiustamento.

Le piattaforme cercano di convincervi che abbiamo bisogno di un “dialogo sociale”, tra noi e loro. Questa idea è in realtà solo un pretesto per evitare che le piattaforme si assumano i loro doveri di datori di lavoro. Ciò di cui abbiamo bisogno sono diritti reali, scritti nella pietra, non false discussioni per ottenere briciole.

Le notizie trapelate dai media ci dicono che state valutando il diritto discrezionale dei deputati di non applicare la presunzione di occupazione in caso di contratti collettivi o leggi preesistenti: i nostri diritti devono avere una base comune in tutta Europa e le deroghe sono inaccettabili.

Sappiamo che molti di voi sono tentati di sostenere il modello ultra-liberale delle piattaforme. Secondo la Commissione europea, le piattaforme hanno avuto più di cento incontri con la Direzione per l’occupazione, gli affari sociali e l’inclusione durante il periodo di stesura della direttiva. I sindacati e i lavoratori vengono scacciati quando si presentano per far valere le loro ragioni. Non è questo che i vostri elettori si aspettano da voi.

Ministri del Lavoro degli Stati membri dell’UE, le nostre vite dipendono dalle vostre deliberazioni. È vostro dovere riconoscere la nostra subordinazione alle piattaforme. Vi chiediamo, il giorno del vostro Consiglio, di garantire il vostro sostegno a una direttiva che permetta incondizionatamente e senza criteri:

  • Uso trasparente e sicuro degli algoritmi;
  • Rispetto dei diritti dei lavoratori realmente autonomi;
  • La corretta classificazione dei lavoratori che dovrebbero essere dipendenti senza dover ricorrere ai tribunali per ottenerla;
  • Concorrenza leale tra le piattaforme e le altre aziende.

Infine, chiediamo che ci sia una presunzione di assunzione, non soggetta a una serie di condizioni, come il rispetto di 3 punti su sette. Secondo la nostra esperienza, questo tipo di condizioni si presta ad aggirare la legge cercando scorciatoie.

In questo senso, sosteniamo la proposta del Parlamento europeo, in cui si prevede una presunzione di occupazione e sono le aziende a dover dichiarare che i lavoratori sono autonomi in ogni contesto, senza che vi sia una lista di criteri che possano essere aggirati.

Allo stesso modo, questa presunzione di occupazione deve essere regolata da tutti gli Stati membri. Non si deve permettere agli Stati di non rispettarla, perché ciò significherebbe aprire la porta alle potenti lobby per agire in tutti gli Stati, uno per uno, ed eliminare i nostri diritti qua e là.

Siamo alla fine del percorso. Contiamo su di voi per prendere in mano la situazione. Il giorno del voto sapremo se state lavorando per Uber o per il popolo.

Firme:

  • Intersyndicale Nationale VTC, France
  • Taxiunionen, Sweden
  • Riders collective & vida trade union, Austria
  • GigWatch, Sweden
  • Collectif des coursier-es bruxellois-es, Belgium
  • Elite Taxi, Spain
  • Taxi Project, Spain
  • RiderXderechos, Spain
  • Deliverance Milano, Italia
  • Lieferando Workers Collective, Germany
  • Collectif des Livreurs Autonomes de Plateformes, France
  • Syndicat CGT des Livreurs Ubérisés Toulousains, France
  • Federatie Nederlandse Vakbeweging, Netherlands
  • FO just eat, France
  • ADCU App Drivers and Couriers Union, UK
  • Filt Cgil Emilia Romagna, Italy

Photo: The Left

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!

DiEM25 e MERA25 condannano il governo tedesco per aver vietato il Congresso Palestinese a Berlino

L'evento svolge l'importante funzione di rinsaldare la coalizione Pace, Terra, Dignità

Leggi di più

Yanis Varoufakis incontra Michele Santoro ed i candidati che MERA25 proporrà, 8 Aprile a Milan

L'evento svolge l'importante funzione di rinsaldare la coalizione Pace, Terra, Dignità

Leggi di più

A Pioltello, testati i limiti della libertà di fede

La saggezza popolare ricorda che “il mondo è bello perché è vario”. Questo monito, apparentemente stereotipico, si rivela in realtà di grande ...

Leggi di più

Fare i conti con la riforma tributaria

I maggiori analisti politici italiani (tra questi Raffaele Marmo, vicedirettore responsabile della redazione romana di QN Quotidiano Nazionale) ...

Leggi di più