Britain needs DiEM25; and DiEM25 needs Britain

Stiamo vivendo l'inizio della fine dell'Europa?

Yanis Varoufakis:
Spero di no, ma ho paura che potremmo benissimo assistere alla disintegrazione di UE.
L’Eurozona è stata, per un po di tempo, in un avanzato stato di decostruzione. Pensate a questo: se qualcuno vi regalasse 10 milioni di euro(sarebbe carino, non è vero?), e voi aveste la scelta in quale banca depositare questi soldi – tedesca, italiana, portoghese o greca, sarebbe stato indifferente per voi? Sicuramente no. Avreste sicuramente depositato i soldi in una banca tedesca o olandese, essendo consapevoli che la probabilità che i vostri depositi siano altamente tassati siano più alti in Italia o in Grecia. Questo è un ovvio segnale del fatto che l’Eurozona è frammentata. C’è un’abbondanza di prove che essa si stia frammentando ulteriormente (invece di consolidarsi). Per esempio, se guardiamo al debito pubblico, è chiaro che esso sia sempre più rilevante nelle banche dei suddetti stati (il che è l’opposto di ciò che dovrebbe essere nel caso noi avessimo una propria unione bancaria e monetaria).
Al di la dell’Eurozona, Schengen è gia stato sospeso ed è sotto grande pressione delle forze come xenofobia, ultra-nazionalismo e la dilagante paranoia. L’incapacità di EU di venirne fuori da ciò che, dopo tutto, è una crisi dei rifugiati lieve (rispetto a quelle di Giordania o Libano) la dice lunga a questo proposito.
A livello politico, su molteplici questioni, la disintegrazione dell’UE si vede ovunque. I governi dei paesi dell’Europa dell’Est dichiarano apertamente la loro opposizione con il principio di solidarietà, l’elettorato britannico è alienata da Bruxelles (e voterà si per restare solo nel caso non vi sia il pericolo dell’ignoto), la periferia meridionale dell’Europa è devastata da una depressione inutile, creatasi a causa della gestione macroeconomica tossica da parte di Bruxelles-Francoforte chi sono di gran lunga più interessati a fingere di imporre le regole inapplicabile anzi che a servire l’Unione e i suoi interessi.
Ricapitolando, ricorda l’esperienza dell’Unione Sovietica. Quando un architettura economica precaria viene mantenuta grazie all’autoritarismo e al brutale potere politico, suo crollo è solo rinviato. Ma quando arriva è veloce e molto doloroso. Spero che gli europei riescono a democratizzare l’Unione europea prima di avere ripetuta l’esperienza dell’URSS.

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!

Dichiarazione sulla decisione del governo britannico di approvare l’estradizione di Julian Assange negli USA

Si tratta di una violazione dei diritti umani di Julian e di un attacco alla libertà di stampa, alla libertà di espressione e, in ultima ...

Leggi di più

Ci opponiamo al commercio con gli insediamenti – firma la petizione ora

Invitiamo pertanto il nostro pubblico e i nostri membri a firmare l'Iniziativa dei cittadini europei per inviare un messaggio contro il ...

Leggi di più

Yanis Varoufakis, Jeremy Corbyn e Ece Temelkuran presentano la Dichiarazione di Atene

La guerra in Ucraina chiede sostegno alle vittime della guerra e un Nuovo Movimento dei Non Allineati

Leggi di più

Lancio del manifesto: È una nuova alba, è un nuovo DiEM25

Il nostro movimento ha iniziato un nuovo corso più radicale, più conflittuale e più efficace

Leggi di più