Britain needs DiEM25; and DiEM25 needs Britain

Stiamo vivendo l'inizio della fine dell'Europa?

Yanis Varoufakis:
Spero di no, ma ho paura che potremmo benissimo assistere alla disintegrazione di UE.
L’Eurozona è stata, per un po di tempo, in un avanzato stato di decostruzione. Pensate a questo: se qualcuno vi regalasse 10 milioni di euro(sarebbe carino, non è vero?), e voi aveste la scelta in quale banca depositare questi soldi – tedesca, italiana, portoghese o greca, sarebbe stato indifferente per voi? Sicuramente no. Avreste sicuramente depositato i soldi in una banca tedesca o olandese, essendo consapevoli che la probabilità che i vostri depositi siano altamente tassati siano più alti in Italia o in Grecia. Questo è un ovvio segnale del fatto che l’Eurozona è frammentata. C’è un’abbondanza di prove che essa si stia frammentando ulteriormente (invece di consolidarsi). Per esempio, se guardiamo al debito pubblico, è chiaro che esso sia sempre più rilevante nelle banche dei suddetti stati (il che è l’opposto di ciò che dovrebbe essere nel caso noi avessimo una propria unione bancaria e monetaria).
Al di la dell’Eurozona, Schengen è gia stato sospeso ed è sotto grande pressione delle forze come xenofobia, ultra-nazionalismo e la dilagante paranoia. L’incapacità di EU di venirne fuori da ciò che, dopo tutto, è una crisi dei rifugiati lieve (rispetto a quelle di Giordania o Libano) la dice lunga a questo proposito.
A livello politico, su molteplici questioni, la disintegrazione dell’UE si vede ovunque. I governi dei paesi dell’Europa dell’Est dichiarano apertamente la loro opposizione con il principio di solidarietà, l’elettorato britannico è alienata da Bruxelles (e voterà si per restare solo nel caso non vi sia il pericolo dell’ignoto), la periferia meridionale dell’Europa è devastata da una depressione inutile, creatasi a causa della gestione macroeconomica tossica da parte di Bruxelles-Francoforte chi sono di gran lunga più interessati a fingere di imporre le regole inapplicabile anzi che a servire l’Unione e i suoi interessi.
Ricapitolando, ricorda l’esperienza dell’Unione Sovietica. Quando un architettura economica precaria viene mantenuta grazie all’autoritarismo e al brutale potere politico, suo crollo è solo rinviato. Ma quando arriva è veloce e molto doloroso. Spero che gli europei riescono a democratizzare l’Unione europea prima di avere ripetuta l’esperienza dell’URSS.

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!

Nature Restoration Law: WindEurope contro la destra europea e i suoi tentativi di affossarla

L’associazione europea dell’industria eolica esprime una ferma “condanna di questa mossa dell’ultimo minuto” “L’energia eolica e il ripristino ...

Leggi di più

Stop ai subappalti pirata!

Venerdì 16 febbraio, presso l’Esselunga sito in via Giovan Filippo Mariti a Firenze, si è verificato il crollo di un solaio. Questo ha ...

Leggi di più

L’uccisione dell’ambiente di Gaza

Su una pittoresca spiaggia nel centro di Gaza , un miglio a nord del campo profughi di Al-Shati , ormai raso al suolo, lunghi tubi neri ...

Leggi di più

Non allineamento e neutralità: Una risposta al Forum consultivo irlandese sulla politica di sicurezza internazionale

È stato pubblicato il rapporto del Forum consultivo del governo irlandese sulla politica di sicurezza internazionale . I membri dei Collettivi ...

Leggi di più