Adatto per l’1%: Il fallimento del piano “Fit for 55” dell’UE

Inizieremo con le buone notizie sul piano Fit for 55 della Commissione europea (CE), perché quella parte è breve: estende il carbon pricing a nuovi settori, in particolare il trasporto marittimo, e rende alcuni degli obiettivi di riduzione delle emissioni del Green Deal europeo leggermente meno insoddisfacenti.

Ora, passiamo alle cattive notizie.

Le aspettative sono sempre comprensibilmente basse, ma la notevole capacità della CE di deludere non conosce limiti. Non solo le misure di Fit for 55 semplicemente non sono sufficienti a limitare l’aumento della temperatura media a 2 gradi celsius – per non parlare della soglia cruciale di 1,5 gradi – ma il piano è progettato per realizzare ciò che l’UE ama fare più di ogni altra cosa: far pagare alla gente comune i peccati delle grandi aziende.

Un caso emblematico: un cambiamento chiave al sistema di scambio delle emissioni (ETS), il che significa che le emissioni dei trasporti e delle abitazioni saranno ora incluse nello schema. Questo comporta che sentirete il peso finanziario della transizione sul vostro portafogli quando riceverete la bolletta del riscaldamento o andrete alla pompa di benzina, mentre le grandi imprese nei settori dell’agricoltura e dell’industria pesante rimangono esentate dal fare la loro parte.

Ancora una volta, il peso della transizione ricadrà su coloro che hanno meno responsabilità per la crisi climatica. Il piano Fit for 55 si adatta soprattutto all’1%.

Mentre scarica il peso dei costi delle emissioni sui cittadini, la CE si assicura che i loro amici dell’industria dei combustibili fossili continuino a rastrellare grandi profitti mentre le loro operazioni inquinanti continuano a crescere con l’aiuto del denaro pubblico e il sostegno senza precedenti delle banche private, che hanno incanalato più di 2,7 trilioni di dollari nei combustibili fossili dopo l’accordo di Parigi. Non ci sono piani per una drastica eliminazione dei combustibili fossili o tabelle di marcia dettagliate per la riduzione delle emissioni per settore.

Per quanto riguarda gli alloggi, mentre la CE sostiene la ristrutturazione degli edifici secondo gli standard verdi, tace sull’aspetto forse più importante: riacquistare gli spazi liberi e renderli accessibili e adatti all’uso. Può sembrare radicale, ma noi crediamo che porre fine ai senzatetto e rendere gli spazi abitativi efficienti e dignitosi sia un’idea migliore che tassare le persone che già si preoccupano di come pagare l’affitto.

Non sorprende che la CE abbia anche poco da dire o da offrire sulla disuguaglianza e la creazione di posti di lavoro. Il loro obiettivo è quello di generare 160.000 posti di lavoro nel settore delle infrastrutture entro il 2030, il che rappresenta solo il 6,5% della popolazione economicamente attiva del blocco. Per contestualizzare, il New Deal di Franklin D. Roosevelt ha creato più di 20.000.000 di posti di lavoro solo tra il 1933 e il 1935.

La solidarietà con il Sud del mondo, dove le persone vengono colpite più duramente dal cambiamento climatico, è un’altra lacuna. Il Carbon Border Adjustment Mechanism (CBAM) metterà un prezzo sulle importazioni di acciaio, alluminio, cemento, fertilizzanti ed elettricità, con l’obiettivo dichiarato di impedire alle aziende di abbandonare l’UE per luoghi con regolamenti più favorevoli. In realtà, si tratta di un tentativo poco velato da parte della CE di proteggere le grandi corporazioni industriali del blocco, senza alcun riguardo per le più ampie implicazioni globali di una crisi climatica che è causata dall’Europa e da altre nazioni sviluppate, ma che porta scompiglio nelle comunità vulnerabili ovunque sulla Terra.

La CE ha avuto almeno la decenza di abbandonare la parola “nuovo” quando ha cooptato il termine Green New Deal, ne ha cancellato ogni significato e ha presentato il Green Deal europeo nel 2020. Infatti, nuovo non è. Ma non è nemmeno verde. Per quanto riguarda la parola “accordo”, possiamo solo capire che è un tributo agli accordi dietro le quinte tra i politici di carriera di Bruxelles e i lobbisti ben pagati che hanno dato vita a questo piano disastroso.

Fortunatamente, siamo ancora in tempo per tirarci fuori dalla rotta d’urto in cui la CE ci ha messo. Ecco perché il Green New Deal per l’Europa è la campagna più grande e di gran lunga più urgente di DiEM25.

Invece del vago e lasco stanziamento di 250-350 miliardi di euro in un decennio che la CE promette, noi proponiamo investimenti concreti pari a 700 miliardi di euro all’anno, finanziati da obbligazioni verdi emesse dalla Banca Europea degli Investimenti (BEI), non dalla gente comune che già lotta a causa dell’austerità e della pandemia. Questo è più che fattibile – la nostra sopravvivenza e quella delle prossime generazioni dipende da questo. Quel denaro sarà usato per affrontare la crisi climatica in un modo che ci porta anche a superare le crisi economiche, sociali e democratiche che stiamo affrontando. Garantirà posti di lavoro decenti, assistenza sanitaria, alloggi e istruzione per tutti, tenendo conto della giustizia intersezionale, internazionale e intergenerazionale.

Il nostro è un accordo tra umanità e natura, non tra politici e oligarchi.

Ovunque in Europa, la tua voce è più che mai necessaria. Scopri di più sul Green New Deal per l’Europa, organizzati unendoti a un DSC e aiuta a stabilire il corso della nostra campagna.

Il futuro è in palio. Cogliamolo prima che sia troppo tardi.

 

Foto (c) Mike Langridge

Vuoi essere informato sulle azioni di DiEM25? Iscriviti qui

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!