La nostra sconfitta contestualizzata: La Erdogan-izzazione della Grecia è quasi completa

Il popolo ha parlato. A differenza del 2019, quando MeRA25 ha conquistato nove seggi nel Parlamento greco, nelle elezioni di ieri non abbiamo superato la soglia del 3% e quindi non abbiamo eletto nessun deputato. Tuttavia, questo Parlamento fresco di nomina è stato condannato prima ancora di potersi riunire.

Kyriakos Mitsotakis, il leader del partito conservatore, che ha vinto alla grande, sta per scioglierlo in modo da assicurarsi un’altra elezione generale, tra meno di un mese, da combattere con un sistema elettorale meno proporzionale che, confida, gli garantirà una maggioranza parlamentare schiacciante.

Quindi, MeRA25 vive per combattere un altro giorno. Contrariati da un risultato elettorale in contrasto non solo con tutti i sondaggi (che prevedevano che avremmo ottenuto tra il 50% e l’80% di voti in più rispetto al 2019), ma anche con l’entusiasmo che abbiamo riscontrato ovunque siamo andati (ad esempio, con le grandi folle che hanno partecipato ai nostri comizi), ci stiamo rispolverando e preparando a scendere in campo per fare ancora una volta campagna elettorale. È chiaro che dobbiamo fare un esame di coscienza, ma solo quando le prossime elezioni saranno finite e avremo combattuto la buona battaglia per riparare al fallimento di ieri.
Per ora, vi lascio con due riflessioni sul quadro generale che è emerso dalle urne ieri in tutta la Grecia; un quadro blu-nero che riflette lo tsunami dell’ultradestra che ha travolto il Paese.

In primo luogo, c’è un’astuta somiglianza tra ciò che è accaduto ieri qui in Grecia e ciò che è accaduto la settimana scorsa in Turchia. Il Presidente turco Erdogan ha presieduto un popolo che sta sprofondando rapidamente nella povertà, politiche economiche chiaramente non adatte allo scopo e una debacle logistica dopo il terremoto letale che è costato migliaia di vite. Tuttavia, grazie a un’abile combinazione di ultra-nazionalismo, conservatorismo sociale, un’agenda a favore delle grandi imprese, una rete di clientele e dosi massicce di autoritarismo, Erdogan è riuscito a riprodurre la sua egemonia elettorale e discorsiva. Esattamente lo stesso si può dire di Mitsotakis: ha presieduto a una costante diminuzione dei redditi reali mediani, ha governato durante una terribile pandemia, molte delle nostre foreste sono bruciate sotto il suo controllo, è stato colto in flagrante mentre origliava i suoi avversari politici e persino i suoi stessi ministri, si è comportato in modo scandaloso quando 57 giovani sono stati uccisi in un incidente ferroviario evitabile, ecc. Eppure, come Erdogan, grazie a un’abile combinazione di ultra-nazionalismo, conservatorismo sociale, un’agenda a favore delle grandi imprese, una rete di clientele e dosi massicce di autoritarismo, Mitsotakis è riuscito a riprodurre la sua egemonia elettorale e discorsiva.

In secondo luogo, sembra che MeRA25 abbia sofferto perché abbiamo cercato di ispirare la nostra base con verità che colpiscono nel segno e con una chiamata alle armi, piuttosto che con narrazioni tranquillizzanti che sostengono falsamente che potremmo cambiare le cose a costo zero per i molti. Per esempio, abbiamo smascherato la menzogna secondo cui la Grecia avrebbe svoltato dal punto di vista economico, dimostrando che, contro le frottole del settore finanziario, lo Stato greco e il settore privato greco erano più in bancarotta che mai; che l’unico modo in cui i cittadini possono recuperare parte dei loro redditi reali e il controllo delle loro vite è attraverso uno scontro con un establishment coriaceo e potentissimo. Si è scoperto che gli elettori non volevano sentire cattive notizie, né si preoccupavano delle chiamate alle armi. Non è che siano così ingenui da credere alle sciocchezze sulla cosiddetta “storia di successo” della Grecia. Non si bevono nulla di tutto ciò. Tuttavia, sono stanchi di cattive notizie; sono stanchi di lotte, battaglie e grida di guerra.

Questa è la montagna che MeRA25 trova di fronte a sè: Come persuadere gli elettori avversi alle cattive notizie a votare di nuovo per noi, senza riempirli di bugie tranquillizzanti.

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!

Dichiarazione del leader del MeRA25 Grecia Yanis Varoufakis sul risultato delle elezioni greche

Abbiamo il sacrosanto obbligo di porre fine all’orbanizzazione del paese   Il popolo ha parlato. Noi di MeRA25 – Coalition for ...

Leggi di più

Ministri del lavoro dell’UE: lavorerete per noi o per Uber?

16 sindacati e collettivi di lavoratori della gig economy chiedono ai ministri del Lavoro dell’Unione europea di sostenere la loro lotta ...

Leggi di più

I DiEMers di tutta Europa si riuniscono in Grecia a maggio

Dopo Belgrado, Colonia e Lisbona, Atene si appresta a ospitare la quarta Accademia di DiEM25: un’opportunità per i nostri membri di ...

Leggi di più

Sull’incidente ferroviario di Evangelismos, le privatizzazioni e l’Europa

L’incidente ferroviario che ha causato 57 vittime in Grecia impone di riaprire la discussione sulle privatizzazioni – ormai date per scontato – ...

Leggi di più