Chiediamo le dimissioni del capo degli affari esteri dell’UE Josep Borrell per le sue osservazioni razziste sui paesi non europei

Il 13 ottobre, Josep Borrell – alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza – è intervenuto durante la cerimonia inaugurale del progetto pilota dell’accademia diplomatica europea. Le sue osservazioni  rivelano la mentalità spaventosamente razzista e coloniale che permea anche i più alti livelli della dirigenza politica europea. 

“L’Europa è un giardino. Abbiamo costruito un giardino. Tutto funziona”, ha dichiarato Borrell.

“La maggior parte del resto del mondo è una giungla, e la giungla potrebbe invadere il giardino”.

“I giardinieri dovrebbero occuparsene, ma non proteggeranno il giardino costruendo muri. Un bel giardinetto circondato da alte mura per impedire l’ingresso della giungla non sarà una soluzione perché la giungla ha una forte capacità di crescita e il muro non sarà mai abbastanza alto per proteggere il giardino”.

Questa presunta analogia dovrebbe essere inaccettabile, indipendentemente dal contesto. Il fatto che sia stata pronunciata dal capo degli affari esteri dell’UE, in occasione di un evento pubblico davanti alla futura generazione di diplomatici dell’UE, è a dir poco scioccante e grottesco.

Definendo la maggior parte del resto del mondo “una giungla”, Borrell ha degradato miliardi di persone in parti del mondo che sono sottosviluppate come diretta conseguenza dell’eredità coloniale dell’Europa e ha dimostrato che, lungi dal voler fare ammenda per questa immensa ingiustizia, la sua priorità principale è perpetuarla.

La condotta di Borrell, in sintesi, non è adatta alla carica che ricopre. Chiediamo le sue dimissioni immediate.

Sul nostro sito web abbiamo lanciato una petizione per chiedere le dimissioni di Borrell. Invitiamo i cittadini europei e di altri paesi a firmarla.

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!

Il discorso di Yanis Varoufakis per il Palestine Congress che é stato vietato dalla polizia tedesca

Il discorso di Yanis Varoufakis per il Palestine Congress che é stato vietato dalla polizia tedesca

Leggi di più

DiEM25 e MERA25 condannano il governo tedesco per aver vietato il Congresso Palestinese a Berlino

L'evento svolge l'importante funzione di rinsaldare la coalizione Pace, Terra, Dignità

Leggi di più

Suviana: il capitalismo uccide ancora

In Italia muoiono in media tre lavoratori al giorno; ogni minuto avviene un incidente sul lavoro. La conciliazione di classe, dinanzi alle ...

Leggi di più

Yanis Varoufakis incontra Michele Santoro ed i candidati che MERA25 proporrà, 8 Aprile a Milan

L'evento svolge l'importante funzione di rinsaldare la coalizione Pace, Terra, Dignità

Leggi di più