Questo “Black Friday”, facciamogliela pagare ad Amazon!

Il “Black Friday” è arrivato e un uomo ne trarrà il massimo profitto: Jeff Bezos, l’amministratore delegato di Amazon.

Negli ultimi dieci anni, Amazon è cresciuta a tal punto da diventare un impero globale, sfruttando i suoi lavoratori, abusando dell’ambiente e rubando i nostri dati più intimi. Ultimamente, Amazon ha anche realizzato profitti importanti durante la pandemia COVID-19 mentre le piccole e medie imprese lottavano per far fronte ad una situazione incerta.

Le pratiche dirompenti di Amazon rappresentano una minaccia per i diritti dei lavoratori e la democrazia nell’UE.

Tenere testa a oligarchie aziendali come Amazon che chiaramente traggono profitto dall’evasione fiscale e da pratiche anticoncorrenziali è fondamentale per democratizzare l’Europa. Amazon è stata oggetto di un caso antitrust lanciato dalla Commissione europea a causa del suo utilizzo di dati personali, sfruttati dalla piattaforma per emarginare altri venditori nell’UE. Ma se l’UE sta investigando Amazon per il suo uso di big data e le sue pratiche anticoncorrenziali, ha fatto ben poco per affrontare l’evasione fiscale e altre questioni sollevate dai leader sindacali europei.

Le richieste dei sindacati dei lavoratori in Europa devono essere ascoltate dai politici per contrastare le cattive pratiche di Amazon sul posto di lavoro – l’ultima è stata la mancanza di adeguate misure di salute e sicurezza durante la pandemia, come in Francia, dove “l’azienda ha ovviamente ignorato i suoi obblighi nei confronti della sicurezza e salute dei suoi lavoratori.” I lavoratori in Italia, Francia e Spagna sono stati costretti a rivolgersi alle autorità governative o scioperare per far sì che il gigante del commercio al dettaglio rispettasse le regole.

Amazon pensa chiaramente di poter agire al di sopra delle leggi dell’UE e stabilire i propri standard. Rapporti interni di Amazon hanno rivelato il “monitoraggio ossessivo dei movimenti sindacali, sociali e ambientali” in Europa. Amazon ha persino assunto agenti per spiare i propri magazzinieri e prevenire gli scioperi. L’UE deve ascoltare i lavoratori che hanno chiesto un’azione contro l’impero di Amazon, noto per dare la priorità a margini di profitto sempre più elevati a scapito della sicurezza e del benessere dei suoi dipendenti.

Aderisci alla nostra campagna!

DiEM25 ti invita a unirti a una coalizione di magazzinieri, attivisti ambientali e cittadini di tutto il mondo in una campagna globale per #MakeAmazonPay (facciamogliela pagare ad Amazon). Durante il “Black Friday”, ci mobiliteremo in un Global Day of Action per chiedere giustizia ad Amazon, con scioperi nei suoi magazzini e azioni di solidarietà in tutto il mondo.

Raccoglieremo immagini di DiEMers nelle loro case e per le strade che si mobilitano per #MakeAmazonPay. Quindi invia il tuo a comms@diem25.org!

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!

Chiediamo le dimissioni del capo degli affari esteri dell’UE Josep Borrell per le sue osservazioni razziste sui paesi non europei

Le sue osservazioni  rivelano la mentalità spaventosamente razzista e coloniale che permea anche i più alti livelli della dirigenza politica europea. 

Leggi di più

DiEM25 si riunisce a Bologna per preparare il cambiamento radicale di cui ha bisogno l’Italia

DiEM25 is hosting an event in Bologna, Italy on October 15, to hold a space for activists and sympathisers of our cause

Leggi di più

Presentazione di MERA25 in Italia: un nuovo partito politico radicale di sinistra

Se le recenti elezioni in Italia possono aver smorzato gli animi della sinistra, non è più il caso di disperarsi. DiEM25 annuncia ...

Leggi di più

L’ennesima ultima spiaggia

Il prossimo week end L’Italia andrà al voto per il rinnovo del parlamento, in quelle che abbiamo già descritto come le elezioni politiche più ...

Leggi di più