Ci opponiamo al commercio con gli insediamenti – firma la petizione ora

Invitiamo pertanto il nostro pubblico e i nostri membri a firmare l’Iniziativa dei cittadini europei per inviare un messaggio contro il commercio con gli insediamenti

Mentre l’UE afferma di opporsi all’annessione, e considera gli insediamenti illegali nei territori occupati un ostacolo alla pace e alla stabilità internazionale, quello che effettivamente pratica su questo problema è molto diverso.  

Il commercio è ancora consentito tra il mercato europeo comune (MEC) e tali insediamenti, rendendo la loro esistenza non solo sostenibile, ma anche economicamente redditizia per gli occupanti.

Poiché la guerra va avanti in Ucraina, e altri conflitti tragicamente meno popolari si accaniscono in Palestina, Yemen, Mali, e in tutto nel mondo, è indispensabile che il nostro movimento non sostenga l’eredità di ipocrisia dell’Europa.

Sosteniamo la creazione di una legge che si applicherà alle relazioni dell’UE con i territori occupati ovunque, inviando un messaggio potente in tutto il mondo che l’UE non ricompenserà più l’aggressione territoriale con il commercio e i profitti.

La campagna stop al commercio con gli insediamenti  è stata avviata proprio con questo obiettivo in mente e ti invitiamo a seguire questo link per firmare l’iniziativa dei Cittadini Europei (ICE).

Do you want to be informed of DiEM25's actions? Sign up here

Il denaro sporco che si nasconde dietro l’accuratamente curata immagine pubblica dell’UE

La vicepresidente del Parlamento europeo Eva Kaili è stata arrestata con l’accusa di corruzione, così come Francesco Giorgi (suo compagno ...

Read more

It’s time to open the black boxes

Fondato sul principio “pensare globalmente – agire localmente”, IT’S TIME TO OPEN THE BLACK BOXES! è un progetto d’arte partecipata in corso, ...

Read more

DiEM25 lancia il suo partito politico in Italia: MERA25

MERA25 Italia è il terzo partito politico nazionale del nostro movimento

Read more

DiEM25 ha un piano per la pace in Ucraina

I membri approvano la nostra proposta in cinque punti che mira a una risoluzione pacifica della guerra

Read more